Grazie agli smartphone e tablet si ha la possibilità di portare sempre con se uno strumento molto potente, con cui ci si può fare di tutto, dall’intrattenimento fino allo studio. Vi presentiamo di seguito le 5 migliori app per imparare le lingue.

1 Duolingo

Gli utilizzatori di questa app gratuita, la collocano senza dubbio tra le migliori in assoluto, e non a caso anche noi la poniamo al vertice della classifica.

L’app è di tipo didattico/ludico, ovvero si riesce ad apprendere giocando. Durante la giornata si attiva richiedendo l’attenzione dell’utente. Naturalmente si può posticipare la risposta per diverso tempo, ma l’avviso smetterà di suonare solo quando accederete, ed “accontenterete” il programma. Da utilizzare nel tempo libero, in quanto richiederà un minimo di attenzione per circa 15/ 30 min.  Ad ogni risposta  errata si perde una vita, per quelle corrette il programma aggiudica dei punti che permettono di avanzare di livello, proprio come un videogioco.

I creatori della app, sono in costante valutazione scientifica dei risultati per migliorare l’esperienza di apprendimento.

Babbel

Molto simile a Duolingo, anche qui si punta sull’aspetto ludico, ma la differenza con la prima è che è possibile studiare molte più lingue, con un aspetto grafico serioso. In questo caso la app è a pagamento (abbonamento da 9.99€) e purtroppo da la possibilità soltanto di studiare la prima unità, di prova e per continuare bisogna pagare.

Anche qui l’utente personalizza il suo percorso individuando il livello di competenza, per poi procedere per gradi. Offre addirittura corsi per tematiche diverse, per esempio corsi di inglese per lavorare, corsi di cultura e tradizione, per produrre testi o semplicemente per dialogare. Tutto questo fa dell’app uno strumento completo per studiare le lingue. Questa è comunque migliori una delle migliori app per imparare le lingue.

 

3 Busuu

 A differenza di Duolingo, Busuu permette di imparare molte più lingue: non solo spagnolo, inglese, tedesco ma anche polacco, russo, cinese, giapponese. La particolarità è che mette in contatto gli utenti
con 40 milioni di madrelingua, con cui dialogare mettendo in pratica ciò che si è appreso. Nei piani di studio ci sono più di 150 tematiche quotidiane con più di 3000 frasi e parole, in corsi di qualità basati sul QCER Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue) che fornisce ai professori riferimenti, materiali didattici e criteri di valutazione.Non solo ascolto di testi, ma anche lettura e conversazione, via chat,  fanno di questa app. (per adesso solo Android) una delle migliori in assoluto. Veramente molto ben fatta e funzionale le fanno guadagnare il 3 posto tra le migliori app per imparare le lingue.

 

Voxy

Questa app è incentrata esclusivamente per l’apprendimento dell’ inglese, ed in particolare al superamento del TOEFL .

Le lezioni sono molto personalizzate in quanto l’utente ha la possibilità di determinare obiettivi e interessi.
Anche qui ci si può mettere in contatto con gli insegnanti madrelingua disponibili per delle sessioni private per migliorare pronuncia ed imparare più velocemente. Caratteristica di quest’app, è che insieme alle lezioni vere e proprie utilizza le notizie quotidiane in inglese per rendere più dinamico l’insegnamento.

5 Wilingua 

Anche questa app si basa unicamente sullo studio dell’inglese, scaricandola accederai a 600 lezioni di inglese dal livello principiante fino a quello più avanzato, scegliendo tra inglese britannico o americano,a seconda dei tuoi interessi.

Questa app è gratuita per la versione base, se si vuol accedere a quella premium bisogna pagare

6 Aba English

 Questa applicazione ha la particolarità di insegnare l’inglese attraverso dei filmati, che ricreano situazioni reali, offrendo una esperienza a volte anche divertente per imparare senza sforzi particolari. Questa app offre una lezione gratuita di valutazione, ma è a pagamento. Sicuramente è una delle applicazioni più diffuse e pubblicizzate sul web e si possono trovare delle recensioni molto positive specialmente per il metodo che risulta piacevole e non particolarmente impegnativo.

Alla fine di questa piccola classifica delle migliori app per imparare le lingue, ci chiediamo se queste app funzionano davvero.

Bisogna dire prima di tutto che per imparare le lingue, anche se attraverso tablet, pc o smartphone, (lontano dai libri), ci deve essere necessariamente impegno e partecipazione.  Nonostante l’aspetto ludico di molte applicazioni, la grafica accattivante e “giocosa”, questi sono strumenti per lo studio, e lo studio richiede attenzione. Certo, i nuovi metodi potranno semplificare in alcuni casi, ma non bisogna cadere nell’errore di pensare che queste app per imparare le lingue risolveranno la vostra scarsa voglia di studiare, perché non sarà così.

Una indicazione a parte invece per quello che riguarda l’uso di queste applicazioni per iniziare i più piccoli allo studio delle lingue.

I bambini sotto i 12 anni percepiscono il tablet allo stesso modo con cui noi vivevamo i libri di testo, per loro non hanno nulla di eccezionale, sono solo un mezzo. Leggere un ebook, toccare uno schermo in modo attivo o fare una ricerca di un video su youtube per loro è normalissimo, anzi, quando gli raccontiamo di un passato poco distante dove non esistevano i cellulari rimangono stupiti. In questo caso queste app possono davvero iniziare i piccoli all’apprendimento, specialmente quelle che pongono l’accento sull’aspetto ludico come Duolingo, proprio perchè attraverso il gioco i piccoli riescono ad imparare molto più facilmente.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

19 + eight =